cure dentistiche malattie farmaci ablazione tartaro

Ablazione, uno dei trattamenti eseguiti dallo specialista

L’ablazione del tartaro è una tecnica finalizzata alla prevenzione delle patologie gengivali e parodontali. Essa consiste nella rimozione meccanica delle formazioni di tartaro sui denti. Il dentista la effettua sia nella parte esposta che nella porzione normalmente coperta dalle gengive in situazioni in cui non siano più aderenti al dente.

Infatti, il tartaro è la causa maggiore di riassorbimento dell’osso che supporta i denti e, se non rimosso, continua ad infiltrarsi fra la gengiva ed il dente scoprendone le radici, fino a comprometterne irrimediabilmente la stabilità.

Per questo intervento l’odontoiatra (o l’igienista dentale) si avvale di uno strumento manuale (curette) o elettrico ad ultrasuoni chiamato ablatore.

Prima di sottoporsi a qualsiasi trattamento, è fondamentale segnalare al medico allergie a farmaci o materiali (ad es. lattice, nichel, etc.), malattie (pregresse o in corso) ed un’eventuale gravidanza (presunta o in atto). E’ inoltre molto importante informare il dentista se si stanno assumendo farmaci per una qualsiasi altra malattia, anche se “ritenuta non rilevante o attinente”.